Il Black Friday e l’era della regolamentazione offshore

Il 14 aprile 2011, il mondo del gioco d'azzardo online è cambiato. Il Dipartimento di Giustizia (DOJ) e l'FBI hanno emesso accuse del tutto inaspettate contro i tre siti web di poker più importanti del mondo che operavano (in qualche modo) negli Stati Uniti.

Da allora, i riverberi degli attacchi del governo degli Stati Uniti al mondo del gioco d'azzardo online si fanno ancora sentire e hanno profondamente influenzato il modo in cui opera l'industria delle scommesse sportive online.

Se sei curioso dell'affascinante caso contro il mondo del poker online, delle sue ricadute e dell'impatto che ha avuto sulle scommesse sportive online, continua a leggere!

TOP CASINO

BookmakerBonusQuotaSito Web
22BetRicevi un ottimo bonus di benvenuto del 100% fino a 122€.5X, quota 1.4Visita
20BetRicevi il 100 % del primo deposito, fino a un totale di 120 euro.5X, quota 1.4Visita
PowBetRicevi il 100 % del primo deposito, fino a un totale di 120 euro.5X, quota 1.4Visita
Sportaza
Dà il 50% del primo deposito, fino ad un totale di 200€.X8, quota 1.8Visita

Contents [hide]

  • 1 Cosa è successo il 14 aprile (AKA Black Friday)?
  • 2 Quello che è successo dopo?
  • 3 Cosa è successo ai siti di poker online?
  • 4 Effetti duraturi: siti di scommesse offshore autorizzati e sicuri
  • 5 Scommetti in modo sicuro e protetto
Sommario
  1. Cosa è successo il 14 aprile (AKA Black Friday)?
    1. In base a quali leggi questi siti sono stati addebitati?
    2. Cosa significa “Processori di pagamento”?
  2. Quello che è successo dopo?
    1. Full Tilt viene addebitato per l'esecuzione di uno schema Ponzi
  3. Cosa è successo ai siti di poker online?
    1. C'era un motivo per cui questi siti specifici erano presi di mira?
    2. Le scommesse sportive online riempiono il vuoto lasciato dalla sfiducia nei siti di poker
  4. Effetti duraturi: siti di scommesse offshore autorizzati e sicuri
  5. Scommetti in modo sicuro e protetto

Cosa è successo il 14 aprile (AKA Black Friday)?

Il Black Friday è ufficialmente noto come United States v. Scheinberg, 10 Cr. 336 (2011), un caso federale che ha incriminato i fondatori dei siti di poker PokerStars, Full Tilt e Cereus per un'ampia varietà di conteggi, tra cui riciclaggio di denaro e violazioni delle leggi federali sul gioco d'azzardo. about:blank

Preet Bharara, il procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, ha inizialmente intentato il caso contro tutti e tre i siti per le loro violazioni della legge dello stato di New York. Tuttavia, il caso è stato infine consegnato al DOJ, dopo che il governo ha stabilito che le accuse sarebbero state applicate a livello federale.

Scopri il resto sui migliori bookmakers non aams nel ranking di Farantube.

L'aspetto specifico del caso che lo ha spostato in un caso federale è stato quando il DOJ ha stabilito che i siti avevano violato l'Unlawful Internet Gambling Enforcement Act (UIEGA). Ratificata nel 2005, UIEGA, proibisce espressamente ai siti di gioco d'azzardo online di accettare denaro per scommesse e scommesse su Internet. Come ricorderai, è stato un punto di contatto significativo nella storia legale delle scommesse sportive.

In base a quali leggi questi siti sono stati addebitati?

Le disposizioni specifiche che il Dipartimento di Giustizia ha accusato i fondatori di violare erano frode, riciclaggio di denaro e gestione e elaborazione illegali delle scommesse. Gran parte del caso si è concentrato sui particolari processori di pagamento utilizzati dai siti.

Cosa significa “Processori di pagamento”?

I pubblici ministeri federali si sono concentrati anche sulle banche statunitensi utilizzate dai responsabili di questi siti di poker. Ad esempio, hanno cercato di ottenere una condanna per John Campos, un dirigente di alto rango presso SunTrust, una piccola banca con sede nello Utah.

Le accuse affermavano che Campos avesse elaborato illegalmente milioni di dollari di pagamenti illegali di poker online, mascherandoli di proposito per evitare di essere scoperti. Come parte dello schema, i siti di poker investiranno in modo fraudolento in SunTrust e la banca invierà i pagamenti ai giocatori utilizzando transazioni codificate in modo errato.

Quello che è successo dopo?

Dopo il blocco delle accuse, 76 conti bancari in oltre 14 paesi appartenenti ai tre siti web sono stati sequestrati. Ciò significava che agli scommettitori di tutti e tre i siti web era stato temporaneamente impedito di prelevare fondi. Alla fine, sono stati raggiunti accordi con il governo degli Stati Uniti e gli scommettitori sono stati in grado di recuperare i fondi che erano ancora parcheggiati nei tre principali siti di poker.

Per saperne di più vai sui casino non aams affidabile nell'elenco di Farantube.

Il governo ha accusato i siti di non avere fondi sufficienti per ripagare i clienti e ha affermato che i fondi dei clienti sono stati utilizzati per pagare i membri del consiglio e altri azionisti prima degli scommettitori.

Sia Brent Beckley (il capo di Absolute Poker) che Chad Elie (coinvolto in un processore di pagamento di terze parti senza nome) sono stati mandati in prigione rispettivamente per 14 mesi e 5 mesi.

Inoltre, il capo di Full Tilt Poker, Ray Bitar, è tornato negli Stati Uniti nel 2013 per affrontare le accuse e scontare una pena detentiva. È stato anche costretto a cedere beni per milioni di dollari, comprese più proprietà residenziali e contanti (come punizione per aver ignorato la legge federale).

Full Tilt viene addebitato per l'esecuzione di uno schema Ponzi

Come forse ricorderai, non è così raro che i siti di gioco d'azzardo online fraudolenti vengano eseguiti come schemi Ponzi. In effetti, è in realtà uno dei motivi principali per cui i siti di scommesse falliscono e le autorità federali hanno stabilito che Full Tilt operava come una forma di schema Ponzi.

Se Full Tilt non fosse stato arrestato e costretto a riformare dal governo degli Stati Uniti, è probabile che avrebbe dovuto affrontare l'insolvenza da qualche parte lungo la linea. Gli schemi Ponzi non possono rimanere fuori dall'acqua per sempre.

PokerStars ha acquisito Full Tilt all'indomani del Black Friday e alla fine ha pagato agli scommettitori i fondi che erano giustamente dovuti.

Cosa è successo ai siti di poker online?

Immediatamente dopo le accuse, il DOJ ha sequestrato tutti e tre gli indirizzi Internet dei siti di poker .com e li ha sostituiti con un avviso di rimozione. Tuttavia, alla fine tutti e tre i siti sono stati autorizzati a recuperare i propri domini dopo essersi impegnati a non soddisfare i clienti con sede negli Stati Uniti.

Questi siti sono stati autorizzati a rivendicare i loro nomi di dominio dopo aver accettato di cessare tutti Campagne pubblicitarie nordamericane, inclusa la cancellazione di vari programmi televisivi a tema poker che stavano sponsorizzando.

Tra questi c'era la NBC Poker After Dark, che era stato sponsorizzato da Full Tilt Poker. Lo spettacolo è stato oggetto di valutazioni elevate e un grande successo di critica fino a quando la spina è stata staccata dopo l'aprile del 2011.

C'era un motivo per cui questi siti specifici erano presi di mira?

È difficile dire esattamente quando e perché questi siti di poker siano stati presi di mira. È probabile che i pubblici ministeri statunitensi stessero guardando questi siti di poker per molto tempo prima dell'accusa. Potrebbe essere stato il fatto che gli americani avevano un atteggiamento più sfavorevole nei confronti delle scommesse online in quel momento. Molto probabilmente, sono state le massicce campagne pubblicitarie mostrate in programmi televisivi, annunci in prima serata e spot del Super Bowl.

Si stima che, quando sono state presentate le accuse contro questi tre giganti del poker, stessero spendendo più di $ 200 milioni in marketing e pubblicità. Queste società costituivano un enorme 95% del mercato del poker online negli Stati Uniti. Inoltre, tra il 25% e il 40% delle entrate totali dei siti web proveniva dai soli clienti americani. Questo ha decisamente suscitato l'interesse delle autorità e alla fine ha portato alla loro rovina.

Le scommesse sportive online riempiono il vuoto lasciato dalla sfiducia nei siti di poker

Non è un caso che le scommesse sportive online abbiano iniziato a registrare un significativo aumento degli affari proprio intorno al 2011. Non solo i giocatori di poker hanno iniziato a rivolgersi alle scommesse sportive piuttosto che al poker online, ma molti importanti siti di scommesse online hanno iniziato a investire di più nelle loro sezioni di casinò, che erano scarse sviluppato fino a questo momento. Dopo il Black Friday, è diventato uno standard del settore per le scommesse sportive costruire poker e altri giochi d'azzardo nelle loro piattaforme di scommesse.

Le scommesse sportive hanno aumentato la loro portata e ciò che potevano offrire alla loro base di clienti. Hanno iniziato lentamente a posizionarsi nel mercato delle scommesse online come operazioni multiformi che potevano servire sia i giocatori di poker che gli scommettitori sportivi, offrendo più che semplici linee fisse e quote.

Effetti duraturi: siti di scommesse offshore autorizzati e sicuri

Questi tre giganti del poker sono stati bruciati perché utilizzavano banche e processori di pagamento con sede negli Stati Uniti e, così facendo, si sono esposti al rischio di essere perseguiti. Che si tratti di scommesse sportive o siti di poker, la più grande lezione appresa dal Black Friday è stata quella di basare le operazioni e ottenere licenze offshore.

In America, le scommesse sportive sono ora legali a livello federale, ma le scommesse sportive online rimangono soggette a normative che variano da stato a stato.

Scommetti in modo sicuro e protetto

I siti di scommesse negli Stati Uniti che ti consigliamo di utilizzare – che si tratti di poker o in realtà scommesse sugli sport – sono tutti legali da utilizzare entro i confini degli Stati Uniti. Una licenza sicura significa che non corrono lo stesso rischio di The Big Three nel 2011.

admin

Reviews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per “interazioni e funzionalità semplici”, “miglioramento dell\'esperienza” e “misurazione” come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare. Ulteriori informazioni