Riot Games risponde alle richieste di riscatto dopo che gli hacker hanno rubato il codice sorgente di LoL

Riot Games è stata vittima di un attacco informatico, incentrato su League of Legends. Hanno assicurato agli utenti che questo attacco informatico non ha compromesso le informazioni personali.

Gli attacchi informatici non sono una novità nel settore dei giochi. Le grandi società di giochi sono spesso bersagli degli hacker che cercano di ottenere un giorno di paga tenendo in ostaggio il codice sorgente e le informazioni degli utenti.

La perdita di GTA 6 è uno degli esempi di più alto profilo negli ultimi tempi, con filmati del progetto in fase di sviluppo che sono trapelati prima ancora che il gioco fosse annunciato.

Riot Games è il prossimo in linea, con le informazioni di League of Legends prese di mira da un attacco informatico. Questo attacco non solo ha ottenuto informazioni sull'anti-cheat in LoL, ma anche informazioni sulle prossime modalità di gioco e funzionalità inedite.

Riot Games è vittima di un attacco informatico incentrato su LoL

Secondo una serie di tweet di Riot Games, un attacco informatico ha preso di mira League of Legends. Gli hacker sono stati in grado di ottenere parte del codice sorgente sia per LoL che per TFT e hanno messo le mani sul codice sorgente per il loro sistema anti-cheat.

Per fortuna, Riot Games ha dichiarato di essere "fiduciosa che nessun dato o informazione personale del giocatore sia stata compromessa", in una serie di tweet.

Iscriviti alla nostra newsletter per gli ultimi aggiornamenti su eSport, giochi e altro ancora.

Oggi abbiamo ricevuto un'e-mail di riscatto. Inutile dire che non pagheremo.Anche se questo attacco ha interrotto il nostro ambiente di costruzione e potrebbe causare problemi in futuro, la cosa più importante è che rimaniamo fiduciosi che nessun dato o informazione personale del giocatore sia stato compromesso.2/7

— Riot Games (@riotgames) 24 gennaio 2023

Riot ha anche rivelato che le persone che hanno rubato queste informazioni hanno offerto un riscatto, che non ha intenzione di pagare.

Tuttavia, non è ancora chiaro come ciò influenzerà lo sviluppo di League of Legends in futuro. Ciò potrebbe potenzialmente significare che i contenuti futuri subiranno ritardi.

Questa notizia arriva dopo un'apertura della stagione 13 di cui i giocatori erano già delusi e la chiara possibilità che gli aggiornamenti di gioco tanto attesi come l'ASU di Ahri possano essere ritardati alla patch 13.3 invece di uscire nella 13.2 come previsto.

Altre cose come Ahri ASU potrebbero dover passare alla patch 13.3 (8 febbraio), ma ti terremo aggiornato mentre lavoriamo su questo.

— League of Legends (@LeagueOfLegends) 20 gennaio 2023

Resta da vedere come questo attacco informatico e le informazioni ottenute dagli hacker influenzeranno League of Legends in futuro.

Se vuoi conoscere altri articoli simili a Riot Games risponde alle richieste di riscatto dopo che gli hacker hanno rubato il codice sorgente di LoL è possibile visitare la categoria League of Legends. Questo articolo è stato aggiornato nel 2023.

Lee Taejil

Altre notizie:

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per “interazioni e funzionalità semplici”, “miglioramento dell\'esperienza” e “misurazione” come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie utilizzando il pulsante “Accetta”. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare. Più informazioni