Farantube
Image default
Finanze

Come e quando ribilanciare un portafoglio di fondi comuni di investimento

Il riequilibrio di un portafoglio di investimenti di fondi comuni di investimento è un modo semplice e responsabile per “acquistare a basso e vendere a prezzo elevato”. Ma cosa significa riequilibrare un portafoglio? Quante volte è necessario il riequilibrio e quali sono le migliori strategie e tempi per farlo? In questo articolo, illustriamo i vantaggi e le strategie del ribilanciamento di un portafoglio.

Cosa significa “ribilanciare” un portafoglio?

Quando finalmente finisci di costruire il tuo portafoglio di fondi comuni di investimento, dovrai comunque fare un po ‘di manutenzione su base periodica, anche se sei un investitore buy and hold. Il riequilibrio di un portafoglio di fondi comuni di investimento è semplicemente l’atto di restituire le proprie allocazioni di investimento correnti alle allocazioni di investimento originali.

Il ribilanciamento richiederà l’acquisto e / o la vendita di azioni di alcuni o tutti i fondi comuni di investimento per riportare le percentuali di allocazione equilibrio. In altre parole, il riequilibrio è un aspetto importante della manutenzione della costruzione di un portafoglio di fondi comuni di investimento, proprio come un cambio d’olio o una messa a punto lo è per la manutenzione continua della tua auto.

L’idea di ribilanciamento è abbastanza semplice, ma la tempistica e la frequenza del ribilanciamento possono aggiungere qualche strategia al processo. In effetti, molti investitori rendono il ribilanciamento più complesso del necessario. Pianificatori finanziari e gestori di denaro spesso discutono su quanto spesso un investitore dovrebbe riequilibrare. Dovrebbe essere mensile, trimestrale, annuale o qualcosa di diverso?

Ribilanciamento e Asset Allocation

Prima di pensare al riequilibrio, potresti voler rivisitare bilanciamento. Il saldo di un portafoglio di investimento è costituito dalla sua asset allocation e dai tipi di investimento sottostanti. Ad esempio, un investitore può iniziare con un’asset allocation dell’80% di azioni e del 20% di obbligazioni. All’interno di tale allocazione, l’investitore può avere 5 fondi comuni di investimento, come 4 fondi azionari al 20% di allocazione ciascuno e un fondo obbligazionario al 20%. Questa allocazione o equilibrio degli asset si basa sulla tolleranza al rischio e sull’obiettivo di investimento dell’investitore (ad es. Motivo dell’investimento, periodo di tempo per investire).

Perché dovresti riequilibrare il tuo portafoglio?

Il motivo per cui gli investitori ribilanciano i loro portafogli in primo luogo è importante da capire. Spesso alcuni fondi comuni di investimento o tipi di fondi comuni di investimento faranno meglio di altri in un determinato periodo di tempo. Ad esempio, nel corso di un anno, supponi che i tuoi fondi azionari funzionino molto bene ma i tuoi fondi obbligazionari abbiano prestazioni scadenti.

Se la tua allocazione originale era dell’80% di azioni e del 20% di obbligazioni, la tua allocazione di fine anno potrebbe ora essere del 90% di azioni e del 10% di obbligazioni. Ora sei sbilanciato e questa nuova allocazione più aggressiva potrebbe esporti a rischi indesiderati. Al contrario, se le azioni scarseggiano e le obbligazioni vanno bene, il prossimo anno potresti assumerti un livello di rischio inferiore e potresti perdere i guadagni nel mercato azionario.

Perché dovresti riequilibrare il tuo portafoglio?

Per riequilibrare, fai semplicemente le operazioni appropriate per riportare i tuoi fondi comuni di investimento alle loro allocazioni target. Ad esempio, tornando al nostro esempio di portafoglio di 5 fondi, compreresti e venderesti azioni dei fondi appropriati per tornare all’allocazione originale del 20% per ciascun fondo.

Naturalmente, venderai le azioni dei fondi che hanno ottenuto i risultati migliori durante l’anno per riportarle al 20% e acquisterai le azioni dei fondi che hanno ottenuto risultati scarsi in modo da riportarle fino al 20%. Hai quindi venduto con successo i vincitori e acquistato i perdenti: una solida strategia di investimento.

Con quale frequenza dovresti riequilibrare il tuo portafoglio?

La frequenza del ribilanciamento non deve essere spesso perché è raro che grandi oscillazioni nei mercati finanziari inducano il tuo portafoglio di fondi comuni di investimento a cambiare drasticamente le percentuali di allocazione originali. Se si assegna il 20% a un particolare fondo, non accade spesso che oscillerà di oltre 3 o 4 punti percentuali oltre tale allocazione entro un dato anno.

Inoltre, possono esserci costi di negoziazione associati all’acquisto e alla vendita di fondi. Quindi riequilibrare troppo spesso può diminuire i potenziali effetti positivi di farlo. Una volta all’anno è una frequenza sufficiente per riequilibrare il portafoglio di fondi comuni di investimento. Molte persone lo fanno alla fine dell’anno quando altre strategie di fine anno, come la raccolta delle perdite fiscali, sono saggi da considerare.

Puoi anche scegliere una data memorabile, come un anniversario o un compleanno. Inoltre, prima di riequilibrare, assicurati che le tue prospettive finanziarie e gli obiettivi di investimento non siano cambiati in modo tale da dover modificare la tua asset allocation.

Linea di fondo

Il riequilibrio di un portafoglio di fondi comuni di investimento è in genere necessario solo una volta all’anno. Questo perché i mercati dei capitali non tendono ad avere grandi oscillazioni di prezzo in periodi di tempo più brevi. Alcuni strumenti di gestione dei conti con conti di intermediazione online, società di fondi comuni di investimento o siti Web di piani 401 (k) possono anche offrire un’opzione di ribilanciamento automatico.

Related posts

Nasce Altadia, nuovo colosso imprenditoriale dopo la fusione tra Esmalglass-Itaca-Fritta e la divisione ceramica di Ferro

admin

Tre motivi per avere una carta di credito che non proviene dalla tua banca

admin

Pericoli nascosti che affrontano i commercianti del nuovo giorno

admin

Leave a Comment