Farantube
Image default
Finanze

Guida all’indice composito della Cina di Shanghai

La Cina è la prima o la seconda economia più grande del mondo, a seconda di come la si misura, con un PIL nominale del 2017 di quasi 12 trilioni di dollari che cresce a una clip di circa il 7%. Data la crescente influenza del paese, gli investitori internazionali sono stati sempre più interessati ai suoi mercati azionari. In effetti, molte delle più grandi offerte pubbliche iniziali del mondo sono state raccolte attraverso i suoi mercati, inclusa l’IPO da 22,1 miliardi di dollari della Banca agricola cinese nel 2010.

La borsa valori più popolare per le azioni cinesi è la Borsa di Shanghai, che ha una capitalizzazione di mercato di circa $ 3,5 trilioni, a febbraio 2016, rendendola la quinta più grande al mondo. La borsa è stata aperta per la prima volta nel 1866, ma ha registrato la sua maggiore crescita dopo il 2005. Sebbene non sia ancora del tutto aperta agli investitori stranieri, la borsa rimane un indicatore estremamente importante della salute economica del paese con 1.041 società per azioni quotate, a maggio 2015.

L’indice composito di Shanghai

Lo Shanghai Composite Index è un indice del mercato azionario di tutte le azioni quotate alla Borsa di Shanghai. Come il NYSE Composite o il NASDAQ Composite negli Stati Uniti, l’indice è progettato per mostrare la performance complessiva del mercato azionario in un dato momento, con un valore base di 100 emesso il 19 dicembre 1990. L’indice include tutte le azioni – entrambe le azioni A e B – che scambiano alla Borsa di Shanghai ponderate per capitalizzazione di mercato.

Per gli investitori internazionali, lo Shanghai Composite Index offre un facile sguardo sullo stato di salute del mercato azionario cinese, che può essere difficile da ottenere altrove. La maggior parte degli investitori è relegata alla negoziazione di fondi negoziati in borsa (“ETF”) o ricevute di deposito americane (“ADR”), che raramente includono tutte le principali società cinesi quotate in borsa. Ciò significa che l’SSE Composite Index e i relativi indici possono essere il modo migliore per valutare la performance complessiva piuttosto che la performance ADR.

Gli investitori internazionali possono trovare informazioni sullo Shanghai Composite Index sul sito web di SSE.

Altri indici SEE da seguire

Lo Shanghai Composite Index potrebbe essere l’indice del mercato azionario cinese più quotato, ma l’SSE fornisce anche altri tre indici da seguire per gli investitori, inclusi SSE 50, SSE 180 e SSE 380. In poche parole, questi indici replicano il 50, 180 e 380 membri più grandi dello Shanghai Composite Index più o meno allo stesso modo in cui l’S & P 500 replica i 500 maggiori titoli statunitensi. Ma vale la pena notare che molte delle più grandi aziende cinesi sono di proprietà del governo o fortemente regolamentate.

Oltre a queste popolari opzioni, la SSE offre anche una gamma di indici basati sulla capitalizzazione di mercato, sulle classi di attività o sulla classificazione industriale che gli investitori devono seguire. Queste opzioni vanno dall’indice SSE Consumer Staples Sector all’indice SSE 180 Value fino all’indice SSE Corporate Bond 30, offrendo agli investitori un’ampia gamma di opzioni nella ricerca economica. Ad esempio, gli investitori potrebbero guardare all’indice Consumer Staples per vedere come stanno andando le società di beni di consumo.

Un elenco completo di questi indici può essere trovato sul sito web di SSE.

Investire nell’indice composito di Shanghai

Gli investitori internazionali che desiderano investire nello Shanghai Composite Index hanno molte opzioni in superficie, ma pochi di loro sono in grado di imitare veramente la sua performance. Sebbene ci siano molti diversi ETF cinesi disponibili negli Stati Uniti, è diventato comune per loro sperimentare una divergenza significativa dalla performance dell’attuale Shanghai Composite Index.

Ciò si verifica perché lo Shanghai Composite Index replica le azioni “A”, che sono accessibili solo agli investitori locali e non ai fondi internazionali. Poiché questo mercato ha una minore liquidità e una ponderazione sostanziale nelle società più piccole, la performance può essere molto diversa rispetto ai popolari ETF cinesi come l’iShares FTSE / Xinhua China 25 Index (FXI) che investono in azioni “H”.

Detto questo, gli investitori che cercano semplicemente esposizione alla Cina hanno molte opzioni, tra cui:

  • ETF iShares FTSE / Xinhua China 25 Index (FXI)
  • Claymore / AlphaShares China Small Cap ETF (HAO)
  • iShares MSCI China Index Fund (MCHI)

Gli investitori internazionali dovrebbero tenere presente che ci sono molti fattori di rischio unici per investire in Cina rispetto alle società statunitensi nazionali. Ad esempio, il governo cinese assume un ruolo molto più attivo nella regolamentazione delle società all’interno dei suoi confini, il che introduce livelli più elevati di rischio politico. Potrebbero esserci anche rischi legati alla valuta derivanti dalle azioni della banca centrale per controllare la valutazione dello yuan.

Related posts

Cosa succede se non si paga una riscossione dei crediti

admin

E se mia moglie non unisse le finanze?

admin

I commercianti possono richiedere un ID per gli acquisti con carta di credito?

admin

Leave a Comment