Farantube
Image default
Finanze

Investire in Africa con questi ETF africani

In passato, non c’erano molte opzioni ETF per ottenere un’esposizione ai mercati africani. Tuttavia, sebbene non ci sia ancora una pletora di fondi destinati all’Africa, ci sono più scelte ETF. Dai fondi sudafricani ad AFK, che punta unIn tutta l’Africa, ci sono diversi modi per dare al tuo portafoglio l’accesso alla regione. Quindi iniziamo con l’ETF africano più popolare:

AFK – Market Vectors Africa ETF

AFK segue l’indice Dow Jones Africa Titans 50, che si concentra sulle società che si trovano in Africa, sono quotate alla Borsa africana o conducono il 50% delle loro attività nella regione. AFK si rivolge a un’ampia gamma di settori e paesi africani, inclusa l’esposizione ad alcuni mercati di frontiera meno tradizionali.

Oltre a detenere azioni, AFK utilizza anche derivati ​​come forward, futures, swap e opzioni che aiutano a tracciare l’indice correlato. Alcune delle principali partecipazioni nel fondo e nell’indice sono le birrerie nigeriane, Tullow Oil, Attijariwafa Bank e Orascom Construction. E per quanto riguarda il benchmark, la ponderazione di un paese nell’indice è determinata dalla dimensione del suo prodotto interno lordo.

EZA – iShares MSCI South Africa Index ETF

EZA punta al Sudafrica replicando l’indice MSCI South Africa, che prende di mira i titoli quotati in borsa nel mercato azionario sudafricano. Alcune delle partecipazioni principali includono MTN Group, Sasol LTD e Naspers LTD. Alcuni dei principali settori rappresentati nel fondo sono finanziari, materiali, telecomunicazioni e beni di consumo voluttuari.

GAF – ETF SPDR S&P Emerging Middle East & Africa

GAF si rivolge sia all’Africa che al Medio Oriente correlando con l’indice S&P Mid-East and Africa BMI (STBMMEU). Include alcune delle stesse partecipazioni principali di EZA, ma include anche AngloGold, Impala Platinum e Firstand. Alcuni dei principali settori rappresentati nell’SPDR sono finanziari, materiali, telecomunicazioni e beni di consumo voluttuari.

SZR – WisdomTree Dreyfus ETF Rand sudafricano

SZR è ora rimosso dalla quotazione ma era un ETF in valuta estera che replica il Rand rispetto al dollaro USA. Alcune delle partecipazioni includeranno alcuni titoli al fine di emulare la valuta corrente e i tassi del mercato monetario in quella regione.

Quindi, se l’Africa è dove vuoi essere (per quanto riguarda gli investimenti), cerca alcuni di questi ETF africani e vedi se sono adatti al tuo portafoglio, ma questo è l’elenco attuale che abbiamo al momento.

E sebbene alcuni di questi fondi possano essere interessanti, assicurati di condurre una ricerca approfondita prima di effettuare qualsiasi operazione. Controlla la storia dell’ETF, comprendi i rischi, guarda il fondo in azione e guarda come reagisce alle diverse condizioni di mercato. Inoltre, dai un’occhiata a cosa è nel i fondi in quanto molti ETF possono contenere derivati ​​quali futures e opzioni.

E se hai domande o dubbi, assicurati di consultare un professionista finanziario, come un broker o un consulente. Tuttavia, una volta che ti senti a tuo agio con questi ETF africani, è solo questione di chiamare il tuo broker (a meno che tu non faccia trading online). E una volta che hai fatto la tua scelta, allora buona fortuna con tutti i tuoi scambi.

Related posts

5 motivi per considerare gli ETF invece dei fondi comuni di investimento

admin

Revisione della banca dell’Unione di credito dei dipendenti statali

admin

I migliori motivi per mantenere il tuo conto di risparmio

admin

Leave a Comment