Farantube
Image default
Finanze

Quanto tempo ha un venditore domestico per accettare un’offerta?

Il tempo che un venditore domestico ha per accettare un’offerta può dipendere dall’offerta stessa e dalla lingua corrispondente nel contratto di acquisto. La maggior parte dei contratti fissa un limite di tempo e alcuni stati hanno anche dei limiti.

Tieni presente che la risposta che alla fine ricevi potrebbe non essere un’accettazione della tua offerta. Il venditore può fare una controfferta o rifiutare la tua offerta a titolo definitivo. Un ritardo rispetto alla norma potrebbe avere una serie di cause diverse.

Un esempio di lasso di tempo: California

Il modulo RPA-CA, California’s Residential Purchase Agreement, stabilisce che un’offerta sarà considerata revocata se non è firmata dal venditore e restituita all’acquirente entro le 17:00 del terzo giorno dopo che l’acquirente l’ha firmata. Un acquirente può inserire una data specifica nel contratto o mantenere l’impostazione predefinita del terzo giorno.

Un contratto di acquisto scadrà alle 17:00 del 5 gennaio se è datato 2 gennaio ma non è stato ricevuto dal venditore fino al 3 gennaio. Era valido per 72 ore, fino alle 17:00 del 5 gennaio. Qualsiasi somma pagata dall’acquirente, come denaro serio, sarebbe stato prontamente rimborsato.

I venditori spesso rispondono entro uno o tre giorni lavorativi, anche in stati che non hanno regole e linee guida specifiche.

Tuttavia, non tutti gli stati prevedono regole così specifiche. Ad esempio, questo periodo di tempo è “di solito” da due a quattro giorni in Texas, secondo la Texas State Affordable Housing Corporation, almeno a meno che il contratto di acquisto non stabilisca diversamente.

Alcune eccezioni alle regole usuali

È probabile che il lasso di tempo sia più lungo quando una banca vende una proprietà. Questo potrebbe essere il caso di una vendita allo scoperto o di una preclusione. Prevedi un minimo di due giorni in una situazione di preclusione e un mese o più per una vendita allo scoperto.

Ritardi nella consegna

Un agente degli acquirenti dovrebbe consegnare immediatamente un’offerta all’agente del venditore quando l’acquirente l’ha firmata. Un agente che riceve la firma dell’acquirente su un’offerta giovedì, ma che attende fino a dopo il fine settimana prima di inviarla al venditore, consegnerebbe un’offerta scaduta se fosse soggetta a una data di scadenza di tre giorni o 72 ore.

Un acquirente può anche autorizzare un agente ad accettare la consegna dell’offerta firmata e accettata per suo conto. L’offerta generalmente non sarà considerata consegnata fino a quando l’acquirente non la riceve effettivamente se il nome dell’agente dell’acquirente non viene inserito e la casella appropriata rimane deselezionata.

Questo tempo aggiuntivo può far scadere il contratto, motivo per cui molti agenti preferiscono ricevere la consegna per conto dei loro acquirenti.

La controfferta

Una controfferta riavvia effettivamente l’orologio, quindi un venditore può emettere una controfferta all’acquirente per aggirare il problema di un’offerta scaduta. La controfferta potrebbe solo prolungare il tempo di accettazione dell’offerta, ma potrebbe anche includere una variazione in termini di prezzo.

Questo processo può andare avanti e indietro indefinitamente fino a quando non viene raggiunto un accordo o fino a quando una delle parti o l’altra chiude e termina i negoziati.

L’offerta superata

A volte i venditori vogliono aspettare un po ‘per vedere se arriva un’offerta migliore. Un venditore potrebbe chiedere all’acquirente più tempo per accettare l’offerta in questo caso, oppure potrebbe provare a ricevere e decidere un’altra offerta prima dell’offerta di acquisto esistente è scaduto.

Un venditore la cui casa è sul mercato da 60 giorni o più potrebbe volersi concentrare sulla gestione dell’offerta in questione, soprattutto se è buona. Ciò può evitare di perdere un’opportunità privilegiata perché le case in genere diventano più difficili da vendere più a lungo sono sul mercato.

Situazioni di offerte multiple

Un agente di quotazione generalmente consiglia agli agenti degli acquirenti di chiedere ai propri clienti di fare le migliori offerte possibili in più situazioni di offerta. Stabiliranno una scadenza entro la quale ciò deve avvenire, altrimenti l’offerta non verrà nemmeno presa in considerazione. Tutte le offerte vengono quindi presentate al venditore contemporaneamente per evitare ritardi inutili.

Quando il venditore non risponde

I venditori non lo fanno avere per rispondere alle offerte, anche per dire “No, grazie”, ea volte semplicemente no. Ciò si verifica generalmente perché l’offerta è estremamente bassa o sono inclusi imprevisti irragionevoli. I venditori non sono legalmente obbligati a rispondere a nessuna offerta.

I venditori generalmente non vogliono essere disturbati dal rifiuto ufficiale di un’offerta offensiva o non realizzabile quando ne hanno più di una sul tavolo. Potrebbero sentire che sei così lontano in termini che contrastare non vale il tempo e l’energia che ci vorrebbe.

Ottieni un’opinione onesta dal tuo agente su quanto ragionevole, o irragionevole, pensa che sia stata la tua offerta se ti trovi in ​​questa situazione. Potresti già avere un’idea perché il tuo agente ti ha avvertito che il prezzo che hai offerto era particolarmente “low ball”.

Potresti voler ripresentare una nuova offerta a condizioni migliori, se possibile, se non senti nulla per un periodo di tempo prolungato e se non hai a che fare con una vendita allo scoperto.

Related posts

Come e quando ribilanciare un portafoglio di fondi comuni di investimento

admin

I pro ei contro di investire e possedere oro

admin

Fissazione dei prezzi: definizione, tipi, esempi

admin

Leave a Comment