Farantube
Image default
Comics

DCeased Hope At World’s End: ripetizione e buoni sentimenti ai tempi di Covid

Già forte di un primo spin off chiamato Unkillables, la saga DCeased di Tom taylor si è offerto nella primavera del 2020 una seconda derivata, in attesa del sequel diretto (Pianeta morto, chiamato semplicemente DCeased 2 per la versione francese). Sotto il titolo Speranza ai confini del mondo, lo sceneggiatore ha offerto un nuovo capitolo che si svolge parallelamente al suo primo atto, che svelerà altri intrighi su questa Terra in preda a una crisi senza precedenti, dopo una versione corrotta delEquazione anti-vita ha trasformato milioni di persone in zombi, eroi ed eroine inclusi, e lì ovviamente sta scatenando il caos.

Nel contesto della pubblicazione, DCeased: Hope At World’s End arriva quando l’industria dei fumetti ha appena preso tutto il peso delle conseguenze della reclusione generale del marzo 2020. Dopo la separazione con Diamond Comics, DC continua gli esperimenti per compensare i potenziali guadagni persi, scommettendo molto sui suoi fumetti digitali, in particolare sulla gamma Prima digitale. Per incoraggiare i lettori a fare il grande passo, oltre al fatto che, naturalmente, molti fumetti sono state chiuse in questo momento, l’editore di due lettere fa quindi affidamento sulle sue licenze di grandi dimensioni. Questo nuovo capitolo di DCeased non riesce quindi a sbarazzarsi del lato “prodotto ordine” nella sua edizione VF, con un messaggio di fondo che sente chiaramente il contesto Covidien; nonostante questo, Taylor resta un autore che sa trasmettere, anche nei suoi approcci meno personali, un racconto piacevole. Rilassiamoci un po ‘.

Non prendiamo gli stessi, ma ricominciamo da capo

Dopo un breve richiamo ai fatti raccontati dall’occhio del giornalista Jimmy Olsen, che ha visto l’invasione di anti-vita dai locali del Daily Planet, DCeased: Hope At World’s End Rapidamente ci rimette in carreggiata per la serie principale, al momento del quinto numero della prima miniserie. Dopo l’esplosione diAtomo, Metropoli è stato devastato, e Superuomo cerca di dare rifugio a tutti i sopravvissuti nelle poche frazioni di pace che rimangono sulla Terra. Tra questi, il Khandaq sembra tutto trovato, Adamo nero avendo avuto la forza di fare l’impensabile, eliminando l’intera popolazione del suo Paese contagiato per tutelare gli altri. Ma il sovrano di questa nazione si rifiuta di aiutare Superuomo e gli altri, preferendo proteggersi nella loro nazione. Lo prenderà molto male mentre è rimasto infetto. Molto rapidamente, il resto del pianeta viene messo in pericolo da a Adamo nero corrotto, che porta con sé tutta la sua nazione e tanti altri eroi ed eroine che soccombono ai suoi colpi. Ancora una volta, e anche se conosciamo la fine di DCeased, ogni speranza sembra persa …

Se la nozione di speranza appare dal sottotitolo di questo nuovo capitolo di DCeased, non è senza motivo. Abbiamo ricordato in precedenza il contesto della pubblicazione del titolo, e sembra abbastanza ovvio Taylor ha in gran parte infuso i suoi pensieri e le sue buone ondate di sostegno al resto dei suoi lettori attraverso il prisma della finzione. Di fronte a un’apocalisse che sembra inevitabile, come potrebbero aver sentito migliaia di lettori bloccati a casa, rimane nonostante tutta la speranza, incarnata da Superuomo, ovviamente, da una nuova generazione di eroi DC Comics, per il quale l’aiuto reciproco sarà sempre il valore fondamentale. Ingenuo? Un anno dopo il primo parto, alcune tirate possono sembrare così, o alcune appendici – come questo capitolo di intermezzo che presenta alcune mascotte con papate di DC, sicuramente molto carino, ma un po ‘datato fuori contesto. Un sentimento generale di benevolenza, da mettere in disaccordo con l’atrocità di certi eventi e l’impressione di fine del mondo che la domina. Perché Tom taylor non dimenticare di ricordarlo in DCeased, i momenti scioccanti devono fondersi. Inoltre, la relazione reale interferisce anche quando troviamo alcuni personaggi umani, con personificazioni più o meno riuscite di comportamenti egoistici / cospiratori / reazionari, ognuno dei quali apprezzerà la rilevanza all’interno della storia.

Se la ricetta del primo arco ci è piaciuta, non saremo disorientati. Lo sceneggiatore utilizza un’intera galleria di personaggi più o meno noti, che consente loro di essere proposti per la felicità dei rispettivi fan. È questo qui, riconosciamo fino a che punto Taylor si interessa ai suoi personaggi, alle loro caratteristiche e alle loro personalità per farli evolvere in questo micro-universo: la scrittura è buona, toccante, con pochi passaggi che riescono a strappare una lacrima. L’autore coglie soprattutto l’occasione per riutilizzare alcuni eroi introdotti nel suo cortometraggio correre di Suicide Squad: Renegades, soprattutto il duo Aerie / Wink, sempre così delizioso da seguire. La lettura è quindi fatta senza dispiacere, con veri momenti di tensione, caratteri terziari che non ci si aspettava di trovare lì. Alla fine, a Aggiungi su che potrebbe non aver visto la luce senza la pandemia, ma su cui Taylor funziona in modo pulito.

Sulla parte grafica, i risultati saranno più contrastanti. Con il formato di pubblicazione in Prima digitale, e un capitolo programmato ogni settimana in digitale, i designer sono numerosi a turno. Dopo l’introduzione di Dustin NGuyen, passa la mano Renato Guedes, Marco Failla o Daniele Di Nicuolo. Tutti traggono quello che possono dal formato imposto, con i suoi punti di forza e i suoi limiti, soprattutto quando si tratta di tagliare in mezza pensione che non consente molte follie. Diciamo anche, senza voler turbare nessuno, che non tutti hanno lo stesso livello o lo stesso modo di disegnare eroi ed eroine, il che, nel contesto di una tale lettura di album, influisce sulla continuità grafica e sull’armonia visiva complessiva. Tuttavia, è davvero dannoso? In questo tipo di storia, non necessariamente, il risultato è dopotutto nello stesso intervallo di quello precedente spin off, Unkillables.

Simpatico, ma in gran parte superfluo. Hope At World’s End piacerà ai fan della ricetta DCeased, senza cercare di rinnovare nulla. Taylor approfitta di questo capitolo aggiuntivo per divertirsi con alcune delle sue creazioni, giocare con personaggi più o meno noti e continuare il suo gioco del massacro nell’universo DC. Tuttavia, a causa del contesto pandemico, troveremo molti sottotesti relativi alla crisi Covid che impediranno al titolo di essere districato dal suo contesto di pubblicazione. In attesa del vero seguito, il libro ha qualcosa da occupare.

– Puoi ordinare DCeased: Hope At World’s End a questo link

Related posts

The Falcon & The Winter Soldier: il grande debriefing del podcast

admin

Jenny Zero riporta l’alcol nell’equazione dei fumetti kaiju al Dark Horse nell’aprile 2021

admin

Legends of Tomorrow Stagione 6: un trailer ancora più folle – con animazione

admin

Leave a Comment