Gestire il bankroll delle scommesse sportive utilizzando il criterio di Kelly

ad1

Ci sono stati enormi cambiamenti nel settore delle scommesse sportive negli ultimi anni, con gli scommettitori sportivi che hanno accesso a più opzioni di scommessa che mai (oltre a un’abbondanza di strumenti per trovare le scommesse che offrono il maggior valore). Ma mentre lo sviluppo di analisi avanzate dello sport e strategie di modellazione ha tenuto il passo con il mercato in rapida crescita delle opzioni di scommesse, molti scommettitori sportivi non hanno ancora una solida conoscenza di molte delle strategie chiave che gli scommettitori acuti usano per ottenere un vantaggio sui bookmaker.

Questo articolo ti introdurrà al Kelly Criterion, una formula che ti consente di confrontare le probabilità percepite di una scommessa con le probabilità di vincita offerte da un bookmaker. L’obiettivo. il gol? Identificare le scommesse che ti offrono un vantaggio.

C’è un motivo per cui è stato utilizzato per decenni da acuti scommettitori sportivi. Se applicato correttamente, il Kelly Criterion non solo ti aiuta a identificare le puntate di valore, ma funziona anche come una guida importante su quanto del tuo bankroll dovresti scommettere su una scommessa specifica.

Il criterio di Kelly e l’importanza della gestione del bankroll

Seguire i fondamenti della gestione del bankroll è la chiave per valutare efficacemente i tuoi successi (o fallimenti) in un bookmaker. Senza la conoscenza di cosa sia un bankroll e quanto sia importante gestirlo, il Kelly Criterion non avrebbe alcun senso.

La gestione del bankroll include un approccio di buon senso alle scommesse sportive, dedicando una specifica somma di denaro alle scommesse e tenendo traccia ordinata della cronologia delle scommesse. Comprende anche fare scommesse basate su unità, piuttosto che importi in dollari.

Ad esempio, diciamo che stai iniziando con un bankroll di $ 500. Utilizzando l’approccio unitario, divideresti il ​​tuo bankroll in 100 unità da $ 5 ciascuna.

Man mano che il tuo bankroll cresce, aumenterà anche il valore di ciascuna unità. Una contrazione del bankroll si rifletterà nella diminuzione del valore delle singole unità. Ma mentre l’ammontare del tuo bankroll è destinato a fluttuare, la strategia di misurare il tuo bankroll in unità è fondamentale per determinare quanto scommetterai una volta scoperta una value bet.

Tuttavia, resta la sfida di determinare quante unità scommettere su una value bet. È qui che il criterio di Kelly può svolgere un ruolo cruciale nel tuo successo nelle scommesse.

Spiegazione del criterio di Kelly

Sviluppato negli anni ’50 dallo scienziato dei Bell Labs John Kelly Jr., il Kelly Criterion ha guadagnato un seguito diffuso tra gli scommettitori acuti.

Se utilizzata insieme ai tuoi strumenti di analisi e modellazione sportivi preferiti, la formula Kelly Criterion può identificare il valore sul tabellone delle quote e fornire una guida su quante unità dovresti scommettere su una scommessa specifica.

Come utilizzare la formula del criterio di Kelly

Ecco come funziona la formula del criterio di Kelly.

Il criterio di Kelly può essere espresso come una semplice equazione come segue:

L’esempio del lancio di una moneta viene spesso utilizzato per spiegare il metodo in termini semplificati.

Supponiamo che tu abbia la possibilità di scommettere su un lancio di una moneta con quota decimale di 2.00 (+100 in quota moneyline) utilizzando una moneta che hai identificato come testa alta il 55% delle volte.

Di conseguenza, i valori sono rappresentati come segue:

P = 0,55 Q = 1-0,55 = 0,45 B = 2-1 = 1

Puoi trovare questi stessi numeri nell’immagine sopra e la formula del criterio di Kelly lo esprime come segue:

(0,55 × 1-0,45) /1=0,10

Ciò significa che dovresti scommettere 10 unità (o il 10% del tuo bankroll) su questo lancio della moneta.

Sebbene sia possibile creare un semplice foglio di calcolo che eseguirà la Kelly Criterion Formula, non mancano i calcolatori online Kelly Criterion che faranno gran parte del duro lavoro per te.

Insidie ​​da evitare nell’applicazione del criterio di Kelly

Il Kelly Criterion non è privo di difetti. A seconda dei valori applicati, la formula è nota per istruire gli scommettitori sportivi a scommettere un numero eccessivo di unità sulle scommesse. Inoltre, l’efficacia della formula è limitata dalla capacità dello scommettitore sportivo di trovare valore sul tabellone delle probabilità.

Ancora più importante, lo scommettitore sportivo dovrebbe capire che l’utilizzo del criterio di Kelly per le scommesse sportive non fornirà una corsia preferenziale per un piatto d’oro. È semplicemente progettato per essere utilizzato come strumento per gestire il rischio e rappresenta solo una freccia nella faretra della gestione del bankroll delle scommesse sportive.

Stai cercando di migliorare il tuo gioco? Inizia a gestire il tuo bankroll oggi!

Come la maggior parte degli scommettitori sportivi alle prime armi scopre rapidamente, piazzare scommesse senza prima identificare le scommesse di valore (e capire come gestire il tuo stack) può svuotare rapidamente il tuo account di scommesse sportive.

Affinare la tua capacità di scoprire le migliori scommesse sul tuo bookmaker locale è un’abilità preziosa. Incorporando una solida gestione del bankroll nel tuo gioco con tecniche collaudate come il Kelly Criterion, farai un passo importante per rendere la tua esperienza di scommesse sportive divertente e redditizia.