Kai Cenat accusato di “non collaborare” con le autorità per presunto stupro da parte del suo amico

Lo streamer di Twitch Kai Cenat è stato accusato di “non collaborare” con le autorità dopo che il suo amico ha affermato di essere stata violentata a una festa a cui l’ha invitata.

Il 6 gennaio, il creatore di TikTok Jovi Pena si è fatto avanti con accuse di stupro, sostenendo di essere stata aggredita a una festa a cui l’aveva invitata Kai Cenat.

Secondo Pena, la star di Twitch le ha consigliato di salire di sopra e dormire in una delle stanze invece di lasciare la festa, dove è stata poi violentata.

Inoltre, il TikToker ha chiamato Kai, accusandolo di evitare i suoi messaggi e di non aiutare a identificare l’uomo che l’ha aggredita.

In risposta, lo streamer 21enne ha affermato di essersi rifiutato di parlare della situazione a causa dei consigli ricevuti dal suo team legale, che gli ha ordinato di evitare di parlare con nessuno.

Kai Cenat accusato di “non collaborare” con la polizia

In una serie di tweet del 13 gennaio, Jovi ha ulteriormente accusato Kai di “non collaborare” con le autorità, nonostante la star di Twitch abbia affermato di essere stato lui a informare la polizia delle accuse.

“Se tutti sono così innocenti, perché si rifiutano di essere interrogati”, ha scritto. “Perché nessuno in realtà collabora con la polizia tranne me? È così facile fingere di aiutare. è così facile fingere di essere una brava persona. Finché le persone continuano a mentire su ciò che sta accadendo. Continuerò a dire la verità”.

Ha continuato: “Forse non dovrebbe mentire sulla mia situazione. quella merda può farmi incazzare. Forse dovrebbe parlare di qualcos’altro se non vuole aiutare. Se nessuno mi sta aiutando con il mio caso ma si comporta come se lo fosse, sì, è permesso farmi incazzare.

Iscriviti alla nostra newsletter per gli ultimi aggiornamenti su eSport, giochi e altro ancora.

Un fan ha risposto, interrogando TikToker su cosa stia mentendo Kai, osservando che ha affermato di essere stato lui a informare le autorità.

Pena ha risposto: “Ho coinvolto le autorità. Nessun altro l’ha fatto. Nessuno. Se le persone continuano a mentire, continuerò a chiarire le cose. nessuno ha collaborato con le forze dell’ordine e questo mi fa incazzare.

Da allora TikToker ha cancellato il suo account Twitter, insieme alla sua pagina TikTok che contava oltre 120.000 follower.

Kai deve ancora rispondere alle nuove affermazioni.