I Vision Strikers hanno molto da dimostrare al VCT Masters Berlin. I Kings of Korean Valorant hanno perso la loro occasione in Islanda quando la loro striscia di 104 vittorie consecutive si è sgretolata nel momento peggiore. È giunto il momento per loro di dimostrare che i critici si sbagliano, afferma Lee ‘k1Ng’ Seung-won.

Vision Strikers era la squadra sulla bocca di tutti che si stava dirigendo verso Masters Iceland, e poi tutto si è sgretolato. Dopo essere stati imbattuti per oltre 100 partite, sono stati usurpati da F4Q, rimpiangendo la loro prima sconfitta nella storia di Valorant ⁠— proprio prima del più grande torneo.

Ha avuto un effetto enorme sulla squadra. Hanno dovuto guardare i loro connazionali NUTURN Gaming fare del loro meglio per rappresentare la Corea sulla scena internazionale.

“Durante la fase 2, l’atmosfera nella squadra non era così buona. Eravamo preoccupati per il crollo della torre di 104 giochi che avevamo costruito, quindi è stato preoccupante”, ha ammesso k1Ng a Dexerto.

Ora, però, è il momento di Vision Strikers di recuperare il loro deludente Stage 2 e diventare la formidabile bestia che ogni squadra temeva nel primo anno di Valorant.

“Dopo la ricostruzione della squadra nella Fase 3, stavamo andando molto bene negli scrims e quindi sapevamo che saremmo arrivati ​​a Berlino. Essendo venuto qui, mi sto davvero divertendo e tutte le squadre qui non sono così forti come mi aspettavo”, ha aggiunto.

Vision Strikers Valorant VCT Masters BerlinoColin Young-Wolff per Riot GamesVision Strikers è qui per giocare a Berlino e pronto a recuperare la delusione dell’Islanda.

I Vision Strikers hanno iniziato la loro campagna Masters Berlin con forza contro un Paper Rex iper-aggressivo. La squadra SEA ha dato ai Kings di Corea una corsa per i loro soldi, specialmente su Icebox, storicamente il migliore dei Vision Strikers con un (ora) tasso di vittorie di 14-1.

Jason ‘f0rsakeN’ Susanto era dappertutto su Vision Strikers sia su Haven che su Icebox, volando come Jett e accumulando costantemente frammenti chiave. k1Ng, scherzosamente, l’ha paragonato al “bullismo” nella sua intervista televisiva coreana.

Tuttavia, l’insegnante lo ha calpestato a metà. I coreani hanno rimontato dal 3-9 in giù per vincere Icebox nel regolamento 13-11. Mentre una vittoria è una vittoria, la chiamata ravvicinata è stata forse un segno di nervosismo per k1Ng.

“Mi sento bene per la vittoria, ma il contenuto del gioco e il modo in cui abbiamo giocato non erano così grandi. Ci sono alcuni sentimenti contrastanti”, ha detto k1Ng.

“Durante l’intervallo, il nostro allenatore [Termi] ci ha dato una grande spinta di fiducia. Tuttavia, non stavamo davvero prestando attenzione al risultato, quindi non stava davvero giocando nelle nostre menti”.

.@VisionStrikers iniziano la loro corsa #VALORANTMasters alla grande con una vittoria per 2-0 su @pprxteam

Che ritorno su Icebox 🥶pic.twitter.com/in3IjkQOl9

– ValorIntel (@ValorINTEL) 11 settembre 2021

Una nuova visione

I Vision Strikers di Berlino non sono necessariamente la squadra che tutti hanno iniziato a guardare nel 2020. La leggenda originale di IGL e CS:GO Kim “glow” Min-soo si è ritirata, lasciando il suo protetto Kim “stax” Gu-taek a prendersi la responsabilità .

Anche la dinamica all’interno della squadra è cambiata. Glow era davvero un insegnante, agli occhi di k1Ng, avendogli tenuto la mano prima in CS:GO e ora in Valorant.

“Glow doveva davvero insegnarci da 1 a 10”, ha detto k1Ng.

“Avendo giocato insieme come gruppo e come squadra insieme da un anno, con stax siamo molto più agili e flessibili perché possiamo comunicare tra loro in modo più efficiente”.

Il bagliore premuroso e appassionato irradia ancora nel campo Vision Strikers come uno dei loro allenatori. Solo la menzione della sua presenza ha fatto sorridere k1Ng ⁠— lo si vedeva nell’intervista nonostante la sua maschera.

“Se dovessi paragonare il bagliore a un membro della famiglia, ora è come nostro padre. Da una parte, hai la mamma che litiga sempre con te, e poi hai tuo padre che arriva e dice una parola o due che sono molto significative e pesanti, quindi è quello che sta facendo il bagliore ora “, ha detto.

Per quanto riguarda la madre della squadra? “Abbiamo un altro allenatore che si chiama Argenty, ed è il ragazzo che ci infastidisce sempre con ogni piccolo dettaglio — questo è il suo ruolo, come la madre”.

Valore Vision StrikersRiot GamesGlow si è ritirato al termine della storica imbattibilità della squadra.

La grande palla curva nella strategia di Vision Strikers è piuttosto unica, un sottotitolo specifico per la mappa. Dopo la fase 2, hanno portato un sesto uomo in Kim ‘Lakia’ Jong-min, la stella Sova della squadra NUTURN che ha conquistato un posto sul podio in Islanda.

Ora, il suo ruolo è quello di giocare al posto di k1Ng su Bind, tirando fuori lo Skye. È una dinamica che funziona molto bene e ha senso sulla carta dato che Bind è stata storicamente la mappa più debole di Vision Strikers (e permaban), mentre Bind è la migliore di NUTURN.

“Non necessariamente non mi piace Bind”, ha riso.

“La scena professionale è un luogo freddo in cui la tua posizione è determinata da quanto bene giochi, quindi penso che sia giusto che Lakia giochi in alcune mappe in cui mi esibisco meno bene.”

Dare il meglio della Corea al mondo

I Vision Strikers non stanno solo giocando per se stessi e per la propria reputazione. Nonostante il loro nome li preceda, c’è un obiettivo più grande a portata di mano: vogliono abbattere lo stereotipo secondo cui la Corea è solo il parco giochi dei Vision Strikers.

È un sacco di pressione per aggrapparsi alla squadra, essendo stato per così tanto tempo un enigma così lontano che le squadre internazionali volevano davvero testare.

Vision Strikers Valorant dopo aver battuto Paper Rex VCT Masters BerlinLa reputazione di Colin Young-Wolff per Riot GamesVision Strikers li precede. Tuttavia, stanno lottando per dimostrare che la Corea è più di una regione a una squadra.

È facile dimenticare però che c’è anche una seconda squadra coreana a Berlino, F4Q, che sta lottando nel Gruppo D. La regione nel suo insieme può essere competitiva sulla scena internazionale, anche se non sono ancora le migliori, e k1Ng è pronto a dimostrarlo.

“Non direi che siamo al top in questo momento, ma siamo da qualche parte nel mezzo”, ha affermato k1Ng.

“Voglio mostrare a tutti che, sebbene siamo una piccola regione, non siamo una regione da disprezzare e ignorare.

“È stato davvero bello e mi ha sempre reso felice quando altre squadre ci apprezzavano e ci rispettavano come squadra. Ero particolarmente felice perché a molte squadre brasiliane piacevamo davvero.

“Per quanto riguarda la pressione, però, non è qualcosa che sta davvero influenzando la nostra mentalità”.

I Vision Strikers giocheranno poi contro l’Acend al VCT Masters Berlin per l’ambita prima testa di serie del Gruppo A il 13 settembre.