Il sistema di inattività di Overwatch è molto più spietato dopo l’aggiornamento di Overwatch del 7 settembre, che ora caccia i giocatori solo per essere in spawn. Tuttavia, Blizzard afferma di essere a conoscenza del problema.

Dopo la patch di Overwatch del 7 settembre, i giocatori hanno iniziato a notare che il sistema di inattività del gioco, che prende a calci i giocatori che vanno in AFK per troppo tempo, era particolarmente spietato.

A seguito della modifica, i giocatori venivano espulsi per inattività semplicemente trovandosi nella stanza di spawn, anche se si stavano ancora muovendo e sparando. Dexerto può confermare che abbiamo riscontrato la stessa cosa anche durante il gioco dopo l’aggiornamento.

Stanza di generazione di Ilios OverwatchBlizzard Entertainment Il nuovo timer afk diventa particolarmente problematico quando si verifica lo spawn camping.

In un post sui forum ufficiali di Overwatch a cui Blizzard ha risposto, il giocatore “Lore” ha descritto come il sistema sembra pensare che tutti nello spawn siano automaticamente AFK.

“Ora finché rimani in spawn continuerai a essere preso a calci anche se ti muovi e tiri”, hanno spiegato. “Il che ha portato a molti giochi oggi in cui sono stato spawn camping o spawn camp con i giocatori della squadra calpestati che sono stati cacciati dal gioco più volte solo per non essere in grado di lasciare la base a causa del campo di spawn.”

Come ha sottolineato Lore, questo problema con il timer diventa molto evidente nelle mappe di King of the Hill, dove le squadre possono spesso spingere i giocatori avversari fino alla spawn.

Sarebbe incredibilmente difficile uscire dallo spawn, se non puoi davvero rimanere nella stanza senza rischiare di essere preso a calci. Fortunatamente, sembra che Blizzard sia a conoscenza del problema e stia lavorando per risolverlo.

risposta al bug del timer di inattività della bufera di neve

In una risposta circa un giorno dopo che Lore aveva inizialmente pubblicato il bug, il community manager di Overwatch AndyB ha affermato che Blizzard era “a conoscenza di questo problema e sta lavorando per una soluzione”.

Sfortunatamente, non si sa quando questo problema verrà risolto. Quindi, per ora, assicurati di non passare troppo tempo nello spawn e cerca di evitare di farti accampare da solo fino a quando questo problema non verrà risolto.