Farantube
Image default
Calcio Internazionale

il giorno in cui ha giocato 4 a Lanús e quando ha voluto emulare il Palermo

Sergio Agüero ha recitato, questo giovedì pomeriggio, in una lunga e divertente chiacchierata con Ibai Llanos, streamer spagnolo, che in media 100.000 spettatori. In più di due ore di conversazione live sulla piattaforma Twitch, Kun ha parlato di tutto e ha mostrato la scintilla che lo caratterizza davanti all’influencer che non riusciva a credere a quello che stava ascoltando.

“Quando giocavo all’Independiente, ero molto lontano e il mio vecchio non aveva molti soldi per incassare il viaggio. A quel tempo, Lanús ti dava un gruppo per andare ad allenarti e quando mio padre ha scoperto che mi ha portato a prova, ma Non sono stato fortunato perché c’era già un altro ragazzo che giocava nella mia posizione. Poi mi hanno messo 4 ma stavo salendo, haha ​​… Anche se non sono rimasto perché ero basso, in quel momento il mio vecchio mi ha detto che i test erano stati sospesi, ma anni dopo ha confessato la verità a me“Ha detto l’ex attaccante dei Red su Twitch.” Poi sono andato a Quilmes e sono rimasto lì, ma abbiamo dovuto pagare la quota associativa e non abbiamo avuto modo. Ecco perché sono tornato all’Independiente “, ha aggiunto.

Successivamente, l’idolo del Manchester City ha scherzato con lo spagnolo sul numero dei suoi gol in Inghilterra: “È incredibile essere uno dei capocannonieri in Premier. Sono quarto o quinto, non lo so. Ma straniero sono il primo, occhio al tasso, eh …Inoltre, ha colto l’occasione per raccontare un aneddoto sul suo ultimo infortunio, legato a Martín Palermo: “L’anno scorso, contro il Burnley, mi sono incasinato il ginocchio proprio quando hanno preso il rigore. Quando l’arbitro va al VAR e lo carica, ho detto al dottore di lasciarmi entrare per prenderlo a calci, ma non me lo ha permesso. In quel momento mi sono ricordato di quando il Palermo ha calciato un rigore con legamenti strappati, ha giocato per circa 10 minuti infortunato e ha segnato il gol.“.

L'attaccante argentino ha segnato 180 gol in Premier League.  Foto: REUTERS / Clive Brunskill

L’attaccante argentino ha segnato 180 gol in Premier League. Foto: REUTERS / Clive Brunskill

Poi, Agüero ha ricordato un momento particolare in cui era appena arrivato all’Atlético Madrid: “In una delle mie prime partite in Spagna abbiamo giocato contro il Real Madrid. Quel giorno sono andato in banca, ma ero surriscaldato perché volevo giocare. L’ho visto riscaldare il fenomeno Ronaldo e mi ha fatto impazzire. Più tardi sono entrato e all’88 ‘avevo una mano tremenda: l’ho colpita e la palla è andata verso le nuvole, voleva uccidermi “, ha detto l’argentino.

Agüero ha ricordato i suoi esordi nella squadra spagnola.

Agüero ha ricordato i suoi esordi nella squadra spagnola.

Infine, è stato Benjamín, figlio dell’attaccante e nipote di Diego Maradona, che ha interrotto la trasmissione indossando la maglia Xeneize, nella sua edizione dedicata a Dieci, dopo la sua morte. Davanti allo sguardo attento di Ibai, che gli ha chiesto cosa ne pensasse del fanatismo di suo figlio per il club Ribera, Agüero ha sparato: “Non si toglie mai quella maglietta. Non mi piace, eh.”

Benjamin con Diego, sul campo del Boca.  Foto: REUTERS / Agustin Marcarian

Benjamin con Diego, sul campo del Boca. Foto: REUTERS / Agustin Marcarian

Related posts

Il tubo di Cristiano in barriera e le bacchette per l’errore chiave

admin

Quando il Barcellona gioca la finale e contro chi

admin

Le due stelle che il Real Madrid cambierebbe per Mbappé

admin

Leave a Comment